AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Agosto 2018
Ci sono 273 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

I metodi di amplificazione della focale nelle riprese CCD

Nessun commento
Commenta

amplificazioneI telescopi amatoriali in commercio hanno una focale che si aggira tipicamente tra i 500 e 1500 mm per i rifrattori, tra i 2000 e 3000 mm per i catadiottrici e tra i 1000 e 2000 mm circa per i newton. Tali valori risultano più che adeguati per un uso visuale o per riprese CCD a bassa e media risoluzione, ma sono insufficienti se si vogliono effettuare riprese digitali di oggetti di ridotte dimensioni angolari come pianeti, crateri lunari, macchie solari. È necessario, in tal caso, aumentare la scala dell’immagine incrementando la focale sino a raggiungere – limite di risoluzione e seeing permettendo – anche gli 11-12 metri di focale equivalente.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.102 - 2007 alla pagina 46

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento