AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Agosto 2019
Ci sono 179 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Hubble Legacy Field – Il campo profondo più grande mai realizzato

Nessun commento
Commenta

È passato quasi un quarto di secolo dalla pubblicazione del primo campo profondo di Hubble (Deep Field). L’immagine fu diffusa a gennaio del 1996 e rappresentò una svolta epocale per la cosmologia: era la prova visibile che l’Universo era pieno di galassie fino ai limiti estremi di sensibilità del telescopio e che quelle galassie erano tanto più piccole, irregolari e primitive quanto più erano antiche. Era la prova, cioè, che le galassie evolvono nel tempo e che le grandi spirali e le ellittiche visibili nell’Universo locale non possono essere altro che lo stadio finale di lunghe serie di collisioni e fusioni tra galassie più piccole e arcaiche.

Ora un gruppo di ricercatori ha assemblato circa 7.500 osservazioni profonde del telescopio spaziale Hubble in un’unica immagine che contiene 265.000 galassie e la storia di 13,3 miliardi di anni di evoluzione galattica…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.234 - 2019 alla pagina 34: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento