AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 147 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Hic sunt Lupi

Nessun commento
Commenta
Cielo Sepolto

La costellazione del Lupo come potrebbe apparire al momento della culminazione da una località del meridione alla latitudine di Napoli. Facile risulta l’individuazione del globulare NGC 5986, mentre invece molto problematica quella della stella alfa Lupi!

Quella del Lupo è una costellazione che si estende appena sotto la Bilancia fino ai –55 gradi di declinazione. Segnata come il Centauro dalla presenza di stelle discretamente brillanti, è famosa soprattutto per la supernova galattica che vi esplose più di mille anni fa, ma per gli osservatori italiani resta una plaga quasi del tutto sconosciuta. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, considerando la sua declinazione fortemente negativa, il Lupo non è una “invenzione” degli astronomi del 18° secolo come ad esempio la Fornace, il Compasso o la Squadra; è invece una costellazione molto antica, già facente parte delle 48 originali elencate da Tolomeo nel suo Almagesto. La cosa non deve però stupire: Alessandria, la storica città dove nacque e lavorò Tolomeo, si trova infatti a una latitudine di 31°N (ben più bassa della Sicilia, quindi); inoltre, 1900 anni fa la costellazione era comunque più facilmente accessibile per via della precessione degli equinozi, tanto che a quei tempi la costellazione culminava almeno 8° più in alto di quanto faccia oggi.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.182 - 2014 alla pagina 56

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento