AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Dicembre 2018
Ci sono 217 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Guido Horn D’Arturo e i telescopi dell’avvenire

Nessun commento
Commenta

Dal 10 novembre 2018 il telescopio ASTRI – Horn d’Arturo, a quattro anni dalla sua inaugurazione (24 settembre 2014) e poco più di un anno dopo la cattura della prima luce Cherenkov (26 maggio 2017), porta il nome dell’astronomo Guido Horn d’Arturo, che per primo ideò e realizzò gli specchi astronomici tassellati orientabili, la soluzione adottata anche per la realizzazione dello specchio primario del telescopio.
Il telescopio ASTRI – Horn d’Arturo è un prototipo avanzato dei telescopi cosiddetti Small Size Telescopes (SST), realizzato nell’ambito della partecipazione INAF al Cherenkov Telescope Array Observatory.
Abbiamo visto brevemente le caratteristiche di questi telescopi, ma chi era Guido Horn d’Arturo e perché gli è stato dedicato il telescopio ASTRI?

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.228 - 2018 alla pagina 70: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento