AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
30 Marzo 2020
Ci sono 279 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Gli strumenti per osservare l’evento

Nessun commento
Commenta

Questo articolo contiene informazioni pubblicitarie

Se l’osservazione di Mercurio davanti al Sole non è possibile ad occhio nudo a causa dell’eccessiva luce emessa dalla nostra stella e delle ridotte dimensioni del pianeta, diventa invece semplice per chiunque con l’uso di uno strumento ottico, fosse anche un semplice binocolo. Naturalmente, più potente sarà la strumentazione utilizzata, maggiore sarà anche la dimensione del disco planetario e soprattutto, come vedremo nel seguito dell’articolo, più dettagliato il background, ovvero la superficie solare. Un aspetto fondamentale da tenere presente, però, è che questi strumenti ottici sono concepiti per osservazioni del cielo notturno (nel caso dei telescopi) o paesaggistiche e naturalistiche (nel caso di cannocchiali e binocoli), ma non per l’osservazione diretta del Sole. Per permetterne anche questo uso è assolutamente necessario l’impiego di alcuni accessori (oppure di veri e propri telescopi solari) da applicare sull’apertura frontale del nostro strumento che filtrano la luce in eccesso proveniente dal Sole: la luminosità della nostra stella infatti è talmente elevata che non permette di distinguere la sagoma di Mercurio sul disco solare e, cosa più importante, è estremamente nociva per i nostri occhi.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.199 - 2016 alla pagina 48

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento