AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
29 Marzo 2020
Ci sono 236 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Gli italiani iniziano con una Nova

Nessun commento
Commenta
1 - Discovery_AT2020dzr_M31_20200304

L'immagine di scoperta AT2020dzr ottenuta dal team di Monte Baldo con un telescopio Ritchey-Chretien da 400mm F.8 + CCD Moriavian G4-9000 KAF.

Apriamo la rubrica di questo mese con il primo successo italiano del 2020, anche se, in realtà, non si tratta di una supernova, ma di una nova extragalattica. Nella notte del 4 marzo Flavio Castellani, Raffaele Belligoli e Claudio Marangoni dell’Osservatorio di Monte Baldo (VR), hanno individuato una debole stellina di mag. +18 nella galassia di Andromeda M31, denominata provvisoriamente AT2020dzr. Vengono subito allertati gli astronomi dell’Osservatorio di Asiago, dell’INAF di Padova, per l’ottenimento dello spettro, ma il meteo avverso impediva le riprese. Finalmente nella notte del 7 marzo il cielo sopra Asiago torna sereno, ma purtroppo lo spettrografo montato sul telescopio Copernico non era disponibile, a causa di un intervento di manutenzione. L’astronomo Paolo Ochner decide ugualmente di effettuare una ripresa con il telescopio Schmidt da 67/92 cm di Cima Ekar e l’immagine ottenuta conferma la presenza della probabile nova con la luminosità leggermente aumentata alla mag. +17,7.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.243 - 2020 alla pagina 159: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento