AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Agosto 2019
Ci sono 243 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Girolamo Fracastoro, l’aristotelico che quasi inventò il telescopio

Nessun commento
Commenta

La pubblicazione del De Revolutionibus di Copernico sferrò nel 1543 un colpo micidiale all’antica astronomia tolemaica e alla concezione aristotelica del cosmo. Anche la successiva opera di Tycho Brahe, pur salvaguardando l’immobilità della Terra, distruggeva l’incorruttibilità dei cieli e mandava in frantumi le sfere celesti ereditate dalla cosmologia medievale. Un po’ meno noto, invece, è il fatto che in quegli stessi anni ci fu chi rispose alla crisi dell’astronomia tolemaica andando nella direzione diametralmente opposta: vale a dire, cercando di tornare alla più pura tradizione aristotelica.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.118 - 2008 alla pagina 74

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento