AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
16 Settembre 2019
Ci sono 213 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

GIALLO INTER PLANETARIO

Un Commento
Commenta

MoebiusNella mia lunga carriera di giudice istruttore nel Settore Galattico Omicron ne ho viste di tutti i colori. Omicidi, casi di spionaggio interplanetario, criminalità organizzata e corruzione sono per me pane quotidiano. Mai, però, mi era capitato che durante la fase preliminare venissi personalmente coinvolto in un torbido caso di furto di informazioni e di memoria. Andiamo con ordine. Un caso di omicidio, uno dei tanti. Come di consueto, ricevetti nel mio ufficio gli incaricati della Suprema Corte Galattica, l’unica autorizzata a emettere sentenze per questi tipi di crimini. L’assassinio era stato commesso su un remoto pianeta della Galassia. La polizia aveva già appurato con certezza che l’assassino aveva agito da solo. Tre erano i sospettati: Abel, Bertrand e Cantor. Sicuramente il colpevole era uno di loro. Il mio compito consisteva nell’interrogare gli imputati per raccogliere informazioni utili alla soluzione del caso. Il problema è che non ricordo quasi nulla di quel che mi dissero. La mia memoria riesce a ricostruire nei particolari gli eventi precedenti agli interrogatori fino al momento in cui gli indagati varcarono la soglia del mio ufficio. Ho nella testa l’immagine dei tre uomini che si siedono sulle sedie di stoffa verde della sala delle udienze, e poi nulla: il vuoto.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.189 - 2015 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Commenta

Un Commento a “GIALLO INTER PLANETARIO”

  1. Tonini Marco scrive:

    Il colpevole è Abel, l’unico che non dice la verità, l’unico a cui non vi sia stata cancellazione di memoria da ciò che ha detto, accusando un altro dell’omicidio. Si potrebbe sintetizzare che……”la prima gallina che canta, ha fatto l’uovo”….

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento