AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Ottobre 2019
Ci sono 207 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Gervaso da Canterbury e il mistero della Luna che non c’era

Un Commento
Commenta

Gervaso

Per quanto suggestiva nel descrivere l'eccezionale avvistamento del 18 giugno 1178, questa illustrazione non rispecchia tuttavia la realtà descritta dal resoconto di Gervaso. Non furono infatti i frati dell'abbazia ad assistere al fenomeno, né sarebbe stato possibile vedere dal chiostro la Luna così alta in cielo. Poco dopo il tramonto del Sole, infatti, la Luna era anch'essa prossima all'orizzonte.


Una rivisitazione del famoso fenomeno lunare avvenuto a Canterbury intorno al solstizio estivo di 835 anni fa pone serie obiezioni alla veridicità del racconto che è arrivato ai nostri giorni. A conti fatti, non solo non regge l’ipotesi dell’impatto asteroidale sulla Luna, ma è lo stesso resoconto dello storico Gervaso ad essere messo in discussione.

«Era la domenica che precede la festa di S. Giovanni Battista nell’estate del 1178. I monaci della cattedrale di Canterbury a Londra avevano terminato da poco le preghiere serali, e si preparavano a ritirarsi per la notte. Fratello Gervaso, lo storico dell’abbazia, oggi considerato un cronista molto attendibile negli avvenimenti politici e culturali del suo tempo, si avviava verso la sua cella leggendo, mentre altri monaci si godevano la dolce festa serale di giugno. Nel mezzo di questa loro ricreazione, il fato volle renderli testimoni di un fenomeno sorprendente, una violenta esplosione sulla Luna, che Gervaso ci ha così tramandato: “La Luna crescente splendeva e, come è normale in questa fase, aveva la gobba a ponente. Improvvisamente, la parte superiore si staccò in due e dal centro della frattura scaturì una fiammata immensa, lanciando tutt’intorno a notevole distanza vampate di materia infuocata. Dopo questo fenomeno, lo spicchio assunse un colore nerastro da un capo all’altro per tutta la sua lunghezza”.»
Così Carl Sagan scriveva nel 1979 in “Cosmos”, dando probabilmente una spinta decisiva alla volgarizzazione di un episodio che a quel tempo era a conoscenza soltanto di pochi storici dell’astronomia.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.171 - 2013 alla pagina 30

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Commenta

Un Commento a “Gervaso da Canterbury e il mistero della Luna che non c’era”

  1. Ambrogio Calati scrive:

    Sempre bravo ed interessante Vitagliano

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento