AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Gennaio 2021
Ci sono 119 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Galassie senza volto nell’ammasso della Vergine

Nessun commento
Commenta
nel Cielo

La cartina di questo mese è centrata sul confine tra Chioma di Berenice, Vergine e Leone, nella regione in cui si addensano le galassie dell'ammasso della Vergine-Coma. La più massiccia di queste è appunto M87, una ellittica gigante la cui posizione è indicata dal rettangolo giallo, lungo circa 2,2°.

Ci sono oggetti deep-sky che pur senza avere molto da dire suscitano comunque rispetto negli osservatori, anche per il solo fatto di essere percepiti come una parte del grande romanzo cosmico; altri inducono invece a una stupefatta ammirazione, anche quando (come nel caso dell’oggetto di cui stiamo per parlare) l’osservatore si trova al cospetto di una galassia amorfa e praticamente “senza volto”, ovvero senza molti particolari su cui passare le notti. È il caso di M87, l’enorme ellittica che domina il grande ammasso della Vergine; impenetrabile nella sua maestosità, eppure unica nel suo genere per il fatto di nascondere qualcosa che solo in pochi riescono a vedere.

Charles Messier fu il primo, la notte del 18 marzo del 1781, a osservare questa galassia, che descrisse come «una nebulosa tonda e senza stelle, con un
centro molto piccolo e circondato da un alone debole ma esteso»; la inserì nel suo catalogo col numero 87, paragonandola nella descrizione alle altre galassie M84 e M86 scoperte la stessa notte insieme ad altri cinque oggetti; William Herschel non aggiunse nulla di più, liquidandola come una semplice nube molto luminosa, tonda e più brillante al centro.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.170 - 2013 alla pagina 54

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento