AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
13 Aprile 2021
Ci sono 210 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Fotografiamo il cielo stellato senza il Telescopio

Nessun commento
Commenta
no telescopio

In alto e al centro, due riprese del del Plenilunio ambientate in Arizona la prima, con la Luna che tramonta sulle Chiricahua Mountains (cortesia Fred Espenak), in Bretagna la seconda, con il nostro satellite che sorge dietro la chiesa del villaggio di Pluguffanin (cortesia Laurent Laveder/Pixheaven.net). In basso. Falce lunare attraverso il rosone della Abbazia di San Galgano (1288 d.C.). Meravigliosa per la sobrietà e l’assenza del tetto e delle vetrate, l’Abbazia è costituita da linee architettoniche che sembrano protendersi verso il cielo. Proprio questa peculiarità guida lo sguardo dei visitatori verso il cielo. Nel comporre l’inquadratura la falce lunare è stata inserita nel fotogramma centralmente per indicare che il punto di fuga finale dello sguardo è sempre il cielo. Questa caratteristica la rende un monumento fotogenico per l’astrofotografia. Ottica Canon EF 70-200LIS f/2.8 su Canon Eos 5DMKII.

Con una reflex da fotoamatore, un treppiede stabile e un pizzico di fantasia si possono realizzare stupende immagini del firmamento anche senza utilizzare costosi e ingombranti telescopi. Vediamo come…

In molti credono che, per ottenere un’astrofotografia da APOD, si debba spendere per l’equipaggiamento astrofotografico tanto quanto per una utilitaria. In effetti i migliori astroimager, quelli che pubblicano immagini mozzafiato, sfoggiano dei setup inavvicinabili, cosa che ha l’effetto di scoraggiare non poco chi volesse iniziare la strada dell’astrofotografia. Fortunatamente non è sempre così: anche con mezzi popolari e senza il telescopio si possono creare magnifici scatti da copertina, ad esempio come quelli presenti nelle pagine del sito di “The World At Night” (www.twanight.org).

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.151 - 2011 alla pagina 26

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento