AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
3 Dicembre 2020
Ci sono 284 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Finalmente PLUTONE

Nessun commento
Commenta

Plutone
Il pianeta che per questioni anagrafiche sentiamo più vicino a noi, il pianeta più pianeta di tutti, anche se da tempo non è più pianeta, sta finalmente per mostrare la sua reale natura di piccolo mondo, periferico ma dominatore di quella regione orbitale: una provincia probabilmente desolata dove da quasi un secolo si sono depositati tutti i nostri sogni di terrestri in cerca di misteri. Che siano ghiacci e crateri a conservarli, o pianure di polvere dove nevica azoto, questo lo scopriremo Sapresto, grazie alla paziente impresa di una piccola sonda in viaggio ormai da nove anni. In queste pagine il lettore troverà una puntuale ed appassionata guida di tutto ciò che c’è da sapere per non lasciarsi sfuggire nemmeno un sottinteso di questa straordinaria missione verso il più grande mito scientifico della nostra infanzia.

«Un nuovo mondo nei nostri cieli», titolava a caratteri cubitali il Chicago Daily Tribune. Era un venerdì di metà marzo, l’anno era il 1930. “Scoperto un nono pianeta ai confini del Sistema solare, il primo negli ultimi 84 anni”, si leggeva quella stessa mattina sulla prima pagina del New York Times. E da quel giorno, per più di settant’anni, a scuola ci hanno parlato di un Sistema solare in cui si muovono nove pianeti. C’erano i nostri vicini di casa: Mercurio, Venere e Marte. Un po’ più in là c’era Giove, con le sue striature… (continua)

All’interno dell’articolo inoltre:

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.194 - 2015 alla pagina 16

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento