AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Agosto 2019
Ci sono 263 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Esattamente 400 ANNI FA GALILEO vide NETTUNO, ma lo scambiò per una stella

Nessun commento
Commenta

GalileoLa vicenda è più che risaputa, e molte volte abbiamo avuto occasione di parlarne in questa rivista, ma come potremmo ignorarla nel giorno del suo 400° anniversario? Eh sì, perché esattamente il 28 dicembre di quattro secoli fa Galileo ebbe a portata di mano l’impresa che avrebbe anticipato di 234 anni la scoperta di Nettuno. Gli fece forse difetto – suo malgrado – l’abitudine a considerare in modo aristotelico e immutabile il numero dei pianeti conosciuti fino ad allora. Nel marzo 1979 l’astronomo Charles Kowal (1940-2011) – scopritore tra l’altro dell’asteroide Chirone, il primo oggetto della classe dei Centauri – era impegnato nella ricerca di antiche osservazioni di Nettuno, colpito dal fatto che l’astronomo francese Jérôme Lalande (1732- 1807) avesse registrato la posizione di Nettuno già nel 1795, 51 anni prima della sua scoperta ufficiale, con una differenza di un paio di primi d’arco rispetto al valore calcolato con le effemeridi disponibili nel 1980.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.165 - 2012 alla pagina 20

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento