AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Dicembre 2019
Ci sono 207 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

EQUAZIONE DI DRAKE “è tempo di cambiare”

Nessun commento
Commenta

Frank Drake

Nei prossimi anni, la ricerca di vita extraterrestre abbandonerà forse definitivamente la strada dei grandi radiotelescopi in ascolto, tracciata da Frank Drake mezzo secolo fa, per rivolgersi all'analisi spettroscopica delle atmosfere planetarie sostenuta dai grandi Osservatori spaziali.


Una nuova formulazione della cosiddetta Equazione di Drake è stata recentemente proposta dall’astronoma canadese Sara Seager, finalizzando il calcolo non al numero di civiltà galattiche sufficientemente evolute da usare la tecnologia radio per comunicazioni interstellari, ma a quello dei pianeti in cui la vita, anche a livello elementare, sia in grado di alterare la composizione chimica dell’atmosfera e di rivelarsi così a raffinati metodi di indagine spettroscopica.
Più di mezzo secolo fa, nel 1961, l’astrofisico Frank Drake propose una specie di “equazione” matematica che teneva conto di alcuni parametri ritenuti all’epoca fondamentali per poter ricavare una stima ragionevole del numero di ipotetici pianeti abitati presenti nella nostra galassia. Drake stesso chiarì come nacque l’idea: «Pianificando una conferenza sul tema delle comunicazioni interstellari mi resi conto, con qualche giorno d’anticipo, che avevamo bisogno di un programma. E così mi scrissi tutte le cose che avevamo bisogno di sapere per capire quanto difficile si sarebbe rivelato entrare in contatto con delle forme di vita extraterrestri. E guardando quell’elenco diventò piuttosto evidente che moltiplicando tutti quei fattori si otteneva un numero, N, che è il numero di civiltà rilevabili nella nostra galassia. Questo, ovviamente, mirando alla ricerca radio, e non alla ricerca di esseri primordiali o primitivi».

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.174 - 2013 alla pagina 16

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento