AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
25 Gennaio 2021
Ci sono 121 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Due oggetti binoculari nel Cigno che declina

Nessun commento
Commenta
Nel Cielo

La cartina del mese abbraccia la regione nordorientale del Cigno, dove a poca distanza da Deneb si trovano i due oggetti di cui tratta la rubrica: la notissima ma discreta (almeno nel visuale) Nebulosa Nord America e l’ammasso aperto M39.

Il Cigno viene giustamente considerata una costellazione estiva, ma è talmente alta in declinazione (e alle nostre latitudini praticamente circumpolare) che può essere osservata con profitto in un arco di tempo che va dalla primavera all’autunno inoltrato. Anzi, c’è quasi da dire che per andare alla ricerca dei due oggetti di cui parleremo questo mese (assolutamente binoculari) sia senz’altro preferibile avere a che fare con una costellazione già declinante, tale da non esporre l’osservatore a dolorosi torcicollo nel tentativo di puntare lo zenit… La Nebulosa Nord America – Il primo a osservarla fu probabilmente W. Herschel che, il 24 ottobre 1786, mentre stava controllando la sua ultima scoperta (l’ammasso aperto NGC 6996), scrisse di aver avvistato nella stessa zona “una nebulosità molto grande e diffusa, maggiormente brillante nel mezzo”; ma fu l’astronomo tedesco Max Wolf (1863-1892), che per primo la fotografò la notte del 12 dicembre 1890, ad accorgersi della incredibile somiglianza con il profilo del continente americano e a battezzarla “Nordamerika Nebel”.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.163 - 2012 alla pagina 46

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento