AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
14 Dicembre 2019
Ci sono 208 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Deboli luci nel LEONE MINORE

Nessun commento
Commenta
Leone Minore

La cartina del mese è dedicata alla parte meridionale del Leone Minore, quella confinante con il Leone. Al suo interno, i rettangoli bianchi identificano le regioni che contengono gli oggetti trattati nella rubrica: la galassia singola NGC 3344 e la coppia formata da NGC 3034 e 3024.

Credo che il Leo Minor (il Leoncino), assieme all’Equuleus (il Cavallino), detenga nel nostro emisfero celeste la palma della costellazione più misconosciuta. Altre costellazioni sono ancora più piccole, oppure contrassegnate da stelle molto deboli (Coma, Delphinus, Vulpecula, Sagitta, Scutum), ma per caratteristiche legate alla loro riconoscibile morfologia, per ragioni storiche o per la fama dei loro oggetti deepsky, quest’ultime sono comunque molto più conosciute e frequentate rispetto alle prime due. Sebbene facilmente rintracciabile come posizione (a nord del Leone e a sud dell’Orsa Maggiore), il Leoncino risulta Tuttavia di difficile identificazione, con una sola stella al di sotto della quarta magnitudine: Praecipua che, caso unico in tutto il cielo, non è né la stella alfa né la beta della costellazione, ma semplicemente la n° 46! Sembra infatti che quando l’astronomo inglese Francis Baily, verso la metà del 19° secolo, si mise ad assegnare le lettere greche alle stelle del Leo Minor (rimaste anonime dal 1687, anno in cui Hevelius creò la costellazione), nominò come beta la seconda stella più luminosa, ma si dimenticò letteralmente di Praecipua… alla quale rimase soltanto il numero di Flamsteed e il nome proprio, regalatole dal nostro Giuseppe Piazzi.
E gli oggetti deepsky del Leoncino? Anche quelli saranno così anonimi da non valere nemmeno il tempo di un’occhiata? Cerchiamo di scoprirlo in questa puntata.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.157 - 2012 alla pagina 72

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento