AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
20 Novembre 2019
Ci sono 267 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Da un estremo all’altro di PEGASO

5 Commenti
Commenta

Nel cielo 185

La cartina del mese torna dopo parecchi anni ad abbracciare Pegaso, caratterizzato dal suo grande Quadrato. Agli estremi della costellazione si trovano i due oggetti descritti nel testo: l’ammasso globulare M15 (che nasconde al suo interno la planetaria Pease 1) e la galassia a spirale NGC 7814.


Per chi vorrà ricordarsene, l’ultima volta che abbiamo visitato Pegaso è stato nel settembre del 2008 (Coelum 120), e allora parlammo dei due oggetti più famosi della costellazione: NGC 7331 con la sua corte di compagne e l’immancabile Quintetto di Stephan. Dopo sei anni chiudiamo il discorso dando uno sguardo all’ammasso globulare M15 e alla NGC 7814, la “quasi Sombrero”.
M15, il globulare con sorpresa – Il primo degli oggetti celesti di questo mese bisognerà cercarlo all’estremità occidentale della costellazione, quasi al confine con la piccolissima regione del Cavallino. Arrivarci è molto facile; l’oggetto si trova infatti sul prolungamento della linea che unisce idealmente le stelle theta ed epsilon Pegasi, poco più di 4° da quest’ultima. Stiamo parlando di Messier 15, uno degli ammassi globulari del nostro cielo più grandi e luminosi, tanto da sfiorare, con le sue centomila stelle, il limite della visibilità ad occhio nudo.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.185 - 2014 alla pagina 44

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Commenta

5 Commenti a “Da un estremo all’altro di PEGASO”

  1. Tonini Marco scrive:

    Salve Salvatore Albano. M15 l’ho già ripreso un mese fa, e pubblicato su mia Galleria Photocoelum. Saluti.

  2. Tonini Marco scrive:

    Caro “coscritto” Salvatore, (sono anch’ io del “66), ho letto la tua biografia in rete, e anche il tuo articolo sulla rivista cartacea. La mia “impressione” su di te, è stata quella di un astrofilo professionista, serio, pratico, chiaro. Non per niente sei arrivato dove sei, articolista su una rivista di Astronomia. Vorei chiederti un consiglio. Opero con un classico SC8, con riduttori vari a f/5, f/6.3, f/7. Nella costellazione di Pegaso, con questo diametro, mi vale la pena tentare di riprendere il quintetto di stephan? La “sfida” mi tenta…..

    • Marco,
      leggendo i miei articoli sai che sono un visualista “puro”, ma con il setup che mi indichi io la ripresa del Quintetto la tenterei eccome! Vedi, in tutti questi anni di pratica spesi all’oculare di molti strumenti, mi sono reso conto di tante cose, ma un aspetto mi è rimasto come linea guida per le mie osservazioni: non prendere MAI in maniera dogmatica ciò che una certa letteratura dice. Ci sono molti oggetti celesti che, stando alla letteratura “classica”, risulterebbero letteralmente impossibili da osservare. Ma nella pratica risultano alla portata – a volte – di strumenti medio grandi. Quindi, l’esperienza diretta è la vera “letteratura” che io conosca e alla quale faccio riferimento, ed è quella che in definitiva consiglio ai lettori dei miei scritti … Fammi sapere come è andato il tuo tentativo (so per certo che lo farai)!
      Grazie per gli apprezzamenti …

  3. Tonini Marco scrive:

    Hai ragione, vale più la pratica che la “grammatica”, tenterò subito la ripresa appena il tempo lo permette. Saluti.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento