×
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
23 Marzo 2017
Ci sono 268 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Come ho ripreso il Transito della ISS sul Sole

Nessun commento
Commenta
figura_4

Fusione dei 105 frame estratti dal video.

L’idea di tentare di immortalare un passaggio della Stazione Spaziale Internazionale sul Sole o sulla Luna risale a qualche mese fa. Lo scorso maggio infatti, dopo essere riuscito positivamente a fotografare il transito di Mercurio sul Sole (leggi lo speciale su Coelum Astronomia n.199 e n.200), mi ero ripromesso di documentarmi sulla fattibilità di poter eseguire con successo lo stesso
genere di ripresa durante un transito apparente sul Sole della ISS con a bordo il suo equipaggio. A differenza dei transiti dei pianeti interni (Venere e Mercurio) visibili da terra lungo un “corridoio” vastissimo, gli allineamenti tra Sole/Luna e la ISS
sono limitati spesso a corridoi spaziali ristretti, larghi a malapena 10 km. La prima condizione necessaria era quella di conoscere in anticipo giorno, ora, minuti e secondi di un passaggio osservabile direttamente da Serramanna (Sud Sardegna), il paese in cui vivo.

L’ultima condizione necessaria era quella che mi preoccupava maggiormente: le condizioni meteorologiche. Chi si diletta amatorialmente con la fotografia a tema astronomico sa bene di cosa sto parlando: se c’è un fattore che un astrofilo, dilettante o meno che sia, non può controllare in alcun modo e di fronte al quale si deve irrimediabilmente arrendere è quello del meteo.
Con mio enorme piacere, la mattina di sabato 10 dicembre, scopro che per una volta le previsioni sono state azzeccate: il cielo è sereno! A due ore dal passaggio sono quindi già sul balcone a preparare l’attrezzatura: treppiede, montatura, telescopio newton, power bank e pulsantiera. Faccio mente locale sulle condizioni favorevoli che si stanno verificando: conosco il secondo preciso del passaggio, sono nel posto giusto, ho l’attrezzatura giusta e ho il meteo giusto. La buona riuscita della caccia alla ISS dipende quindi soltanto da me…
Sbagliato! Dopo aver effettuato alcune riprese di prova, mi accorgo dell’assenza di un particolare fondamentale: il Sole non presenta macchie solari.
Un bel problema! Nei giorni precedenti infatti, le macchie solari mi avevano aiutato nella messa a fuoco della ripresa. La loro assenza rischiava quindi di compromettere la buona riuscita del tutto. Decido di non allarmarmi troppo e mi sforzo di mantenere la calma: cerco quindi di focheggiare sul bordo del disco solare ed effettuo delle prove di ripresa controllando subito il risultato al PC…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.209 - 2017 alla pagina 98

Hai letto questo articolo su Coelum oppure Online?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento