AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Luglio 2019
Ci sono 232 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

CERERE – Un pianeta nano nel Sistema Solare interno

Nessun commento
Commenta

Cerere, il primo asteroide scoperto da Giuseppe Piazzi dall’Osservatorio Reale di Palermo, nel lontano 1 gennaio 1801, è stato per secoli un vero mistero. Poco più di un puntino di luce visibile solo attraverso il telescopio. Fu Sir William Herschel a coniare la parola “asteroide”, che significa “di aspetto stellare”, proprio osservando Cerere. Solo nel 1995, e poi nel 2003-2004, le immagini riprese con il Telescopio Spaziale Hubble hanno iniziato a mostrare i dettagli più grossolani della superficie di Cerere che, nel 2006, viene collocato nella nuova classe dei pianeti nani insieme a Plutone e altri corpi della Fascia di Kuiper, pur essendo l’unico pianeta nano del Sistema Solare interno. Tuttavia, solo con la missione Dawn della NASA si è avuto il vero salto di qualità.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.231 - 2019 alla pagina 48: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento