Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
18 Novembre 2017
Ci sono 226 utenti collegati
Atik Cameras
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Abbonamento On-Line

Abbonati a Coelum Digitale: leggi 11 numeri in formato digitale ad alta risoluzione direttamente dallo schermo del tuo PC!

Clicca qui per leggere questo numero on-line
Clicca qui per leggere questo numero on-line

C’è ancora tempo

Nessun commento
Commenta

MoebiusAvete ragione: iniziare una serie di articoli parlando della fine del mondo è, quanto meno, cosa bizzarra. Ma un vantaggio c’è: ci togliamo subito il pensiero, e ci riserviamo gli argomenti più allegri per i prossimi numeri. Innanzitutto, si fa presto a parlare di fine del mondo, ma cosa intendiamo per “mondo”? Se pensiamo all’universo nel suo complesso, ci poniamo in una prospettiva cosmologica, e dobbiamo fare i conti con ipotetici scenari dai nomi alquanto suggestivi, come “Big Rip” o “Big Crunch”. Se invece ci accontentiamo di indagare il destino finale della Terra, allora la faccenda è diversa. Lasciamo da parte le diverse profezie apocalittiche, da Nostradamus all’ingiustificato allarme del 2012, e trascuriamo tutte le catastrofi che potrebbero avvenire ma anche no (guerre nucleari, ribellioni delle macchine, impatti con meteoriti, cambiamenti climatici, pandemie): eventi che potrebbero distruggere il genere umano, ma non l’intero pianeta. Prescindendo da sventure come supernovae o buchi neri capaci di inghiottire la Terra in un sol boccone, c’è un unico avvenimento che, per quanto ne sappiamo, si verificherà di certo, tra circa 5 miliardi di anni, decretando il fischio finale della partita: l’esaurimento del combustibile del Sole.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.172 - 2013 alla pagina 82

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento