AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Agosto 2018
Ci sono 278 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Catch The Iridium

Nessun commento
Commenta

Fino a qualche anno fa non avevo mai sentito parlare, né tantomeno avevo mai osservato, un Iridium Flare. Ho iniziato ad apprezzare questo fenomeno solo quando, per riuscire a conoscere con sufficiente anticipo i passaggi visibili della Stazione Spaziale Internazionale, installai nel mio smartphone un’applicazione nata proprio con questo scopo: ISS Detector. Al tempo credevo erroneamente che solo la ISS fosse in grado, in determinate condizioni, di brillare in maniera evidente in cielo ma, sin da subito, scorrendo le pagine delle previsioni degli eventi visibili forniti dalla app, rimasi incuriosito dalla presenza degli “alert” relativi a una famiglia per me fino ad allora sconosciuta appunto: quella degli Iridium. Iniziai quindi a documentarmi su tale fenomeno e sulle cause che lo generavano.

Questo fenomeno è oggi ben conosciuto a un grandissimo numero di astrofili in tutto il mondo e non sono rare fotografie suggestive che lo riprendono dai più disparati angoli del pianeta.
Quel che invece ho scoperto essere poco noto è che questo evento, che ha accompagnato negli ultimi venti anni le serate di tantissimi astrofili, è destinato a scomparire per sempre nell’arco di pochissimo tempo…

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.223 - 2018 alla pagina 106: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento