AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
23 Settembre 2019
Ci sono 383 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

Alla scoperta degli esopianeti vicini

Nessun commento
Commenta

A quasi un quarto di secolo dal primo pianeta extrasolare la conoscenza dei sistemi planetari nei paraggi del Sole rimane frammentaria.

Riportare il numero dei pianeti extrasolari conosciuti in un qualunque articolo rimane oggi, per scienziati e divulgatori, una questione spinosa, destinata ad essere superata nel tempo che intercorre tra la sua scrittura e la sua diffusione, anche nel rutilante mondo dell’editoria elettronica. Non mi cimenterò quindi in questo esercizio, se non per ricordare che, a passi lesti, ci stiamo avvicinando al sorpasso tra il numero di pianeti extrasolari conosciuti (o almeno presunti tali, poiché in molti casi si tratta di evidenze che, per quanto forti, vanno vagliate con cura) e quello delle stelle visibili a occhio nudo. Una specie di sorpasso simbolico che per numero di oggetti conosciuti ha segnato il confine tra l’epoca pre-Galileiana e quella telescopica. Poiché tutte le moderne evidenze indicano che – da un punto di vista statistico – ogni stella possiede un sistema planetario, questo rende l’idea di quanto stiamo appena scalfendo la varietà dei nuovi mondi. Sono infatti seimila le stelle visibili a occhio nudo da entrambi gli emisferi (e qualche migliaio, appunto, i pianeti extrasolari oggi noti) mentre superano i cento miliardi le stelle della Via Lattea.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.236 - 2019 alla pagina 48: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento