AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
24 Settembre 2020
Ci sono 273 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

Acqua liquida sotto la superficie di Enceladus?

Nessun commento
Commenta

acqua_enceladusUn mondo remoto, quieto e congelato, caratterizzato da monotone e vaste pianure: questa è l’idea che i ricercatori si erano fatti di Enceladus dopo aver esaminato le fotografie trasmesse a Terra dalle Voyager, le sonde che visitarono il complesso sistema di Saturno negli ormai lontani anni ottanta. Niente di più sbagliato: dopo quasi vent’anni, le riprese ad alta risoluzione inviateci dalla sonda Cassini smentiscono questa visione, restituendoci l’immagine di una luna geologicamente attiva. Ma c’è molto di più… un qualcosa che ha spinto Carolyn Porco, la responsabile del CICLOPS (Cassini Imaging Central Laboratory for Operations), a dire che: “Abbiamo trovato su Enceladus il Santo Graal della moderna esplorazione planetaria”.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.95 - 2006 alla pagina 34

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento