AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
21 Agosto 2018
Ci sono 270 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
Clicca qui per leggere questo numero on-line

1I/2017 ‘Oumuamua: il visitatore interstellare

Nessun commento
Commenta

1I/2017 U1 'Oumuamua è davvero un oggetto bizzarro ed enigmatico, a partire dalla sua strana forma allungata.

Avete presente quelle epiche scene, ormai entrate di diritto nella storia del cinema, del film “2011: Odissea nello Spazio” in cui un passaggio epocale è contraddistinto dall’apparizione del misterioso monolito nero? Ebbene, il nostro Sistema Solare, lo scorso settembre, è stato visitato da qualcosa di molto simile per forma ed enigmaticità, un “visitatore interstellare” proveniente dalle sconfinate profondità cosmiche…
Forse non sarà il segno di un momento di passaggio rivoluzionario, come capita nella pellicola del grande Stanley Kubrick, ma di certo la scoperta di questo particolarissimo oggetto ha comportato una sicura novità nel parco di oggetti cosmici ora conosciuti.
Il suo nome è, in lingua hawaiana, ‘Oumuamua (con l’apostrofo iniziale) ed è stato catalogato dalla IAU (International Astronomical Union) con il codice 1I/2017 U1: una sigla che, come si vede, inizia con il numero 1, a indicare la scoperta del primo “asteroide interstellare”, un oggetto davvero degno della fantascienza di Arthur C. Clarke. Ma cos’è veramente 1I/2017 U1 (’Oumuamua)? E da dove proviene?

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.219 - 2018 alla pagina 34: Leggilo Online!

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento