AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
4 Marzo 2021
Ci sono 153 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia

…rifrattore apocromatico Takahashi FSQ85ED

Nessun commento
Commenta

Global test Takahashi

Il Takahashi FSQ-85ED, anche noto come Baby-Q, è la versione “da viaggio” del più noto FSQ-106ED, e fa parte della categoria degli astrografi apocromatici espressamente progettati per l’imaging a largo campo degli oggetti deep-sky ma utilizzabili, volendo, anche per osservazioni visuali. Il modello FSQ-85ED ha lo stesso schema ottico Petzval a quattro lenti – due delle quali in vetro ED (di tipo non dichiarato da Takahashi) – del modello FSQ-106ED, ma offre un’apertura di 85 mm e una lunghezza focale di 450 mm (f/5.3) con un cerchio immagine di 44 mm (perfetto per un sensore a pieno formato, che ha una diagonale di 43 mm) che genera un campo fotografico con un’estensione di 5,6 gradi. Lo schema Petzval dell’FSQ-85ED comprende un doppietto ED anteriore seguito, a notevole distanza dalle prime due lenti, da altre due lenti (una delle quali in vetro ED) ampiamente spaziate tra loro che funzionano come correttore e spianatore di campo (vedi lo spaccato del tubo ottico a sinistra). Il risultato ottenuto dai progettisti dell’azienda giapponese è un telescopio lungo 553 mm (645 mm con il paraluce estratto), quindi non particolarmente compatto considerando la corta focale (caratteristica questa comune a tutti i Petzval che hanno il tubo più lungo della loro focale). Va comunque detto che un telescopio lungo poco più di 55 cm non si può certo definire “ingombrante”.

L'articolo completo è pubblicato su Coelum n.182 - 2014 alla pagina 44

Hai letto questo articolo su Coelum Astronomia?
Scrivi la tua opinione o un commento qui sotto!

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento