AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
22 Febbraio 2020
Ci sono 231 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Binocoli Stabilizzati Canon

Letto 18.042 volte
Nessun commento
Commenta
Il piacere che provo nell’osservare il cielo stellato con un buon binocolo, oltre che con un buon telescopio, da circa un anno è aumentato in misura notevole e forse al di là delle previsioni, in seguito all’acquisto di due binocoli stabilizzati Canon, prima il modello 10×30 IS, e, sulla scia dell’entusiasmo, subito dopo, il mod. 18×50 IS.

Pagine: 1 2 3 4

Ritengo i due binocoli senz’altro consigliabili:

  • il 10×30, piccolo, leggero e maneggevole, è eccezionale nell’uso terrestre consentendo, grazie all’abbinamento di elevata risoluzione e stabilizzazione, la visione di dettagli minuti e la lettura di cartelli e insegne nonché sigle di imbarcazioni a distanze ragguardevoli; inoltre si comporta molto bene, in rapporto all’apertura, anche nell’osservazione del cielo notturno.
  • il 18×50, capace ovviamente di prestazioni superiori, trova , a mio parere, il suo migliore campo di utilizzo nell’osservazione astronomica dove fornisce sensazioni e risultati superlativi.
  • Breve Glossario Binoculare

    Su ogni binocolo sono riportati due numeri (es. 10×30) che costituiscono i suoi dati fondamentali:

    • a) il n° di ingrandimenti (10x); 10x (10 ingrandimenti) vuol dire che un oggetto lontano 1000 metri viene visto come se fosse distante 100 metri; infatti 1000 (metri) diviso 10 (ingrandimenti) = 100 (metri).
    • b) il diametro degli obiettivi in mm. (30). Il diametro degli obiettivi espresso in mm. ( 30) diviso per il n° di ingrandimenti (10) fornisce il diametro della pupilla di uscita ( 3 mm) che è costituita dal dischetto chiaro che si vede sugli oculari orientando il binocolo verso una fonte luminosa (cielo); il diametro della pupilla di uscita è direttamente proporzionale alla luminosità del binocolo ma nell’osservazione astronomica una pupilla troppo larga rende il fondo cielo chiaro e poco contrastato non favorendo la visione di oggetti deboli.
    • il “campo” del binocolo è l’estensione reale di cielo o di terra, inquadrata, e viene indicato in gradi (°); es. 6° di campo reale; il campo reale a volte viene riportato in misura lineare ( es. 105 metri a 1000 metri oppure 315 feet a 1000 yardes); in tali casi per ottenere il campo reale in gradi (°) è sufficiente dividere la misura lineare in metri per 17,5 e quella in feet per 52,5; es.105/17,5= 6 (°)- 315/52,5= 6(°); il campo reale moltiplicato per il n° di ingrandimenti (es. 6°per 10 X) fornisce il campo apparente(60°) che, in pratica, si identifica con la grandezza dello schermo circolare dentro il quale appaiono gli oggetti inquadrati; più il campo apparente è grande (dai 60° apparenti in su) più la visione è appagante (effetto panoramico). La grandezza del campo apparente è determinata dal tipo di oculare impiegato e ne costituisce un dato caratteristico e fisso; ne consegue che il campo reale è direttamente proporzionale al campo apparente e inversamente proporzionale al n. di ingrandimenti; (campo reale = campo apparente / n. di ingrandimenti).
    • la “collimazione” nel binocolo indica la corretta sovrapposizione del campo di sinistra e di quello di destra in uno solo, con effetto stereoscopico (immagine a rilievo); più propriamente essa dovrebbe chiamarsi sovrapposizione o allineamento o collimazione secondaria (meccanica) in rapporto alla collimazione ottica (primaria) costituita dalla corretta centratura del sistema ottico di ognuno dei due telescopi prismatici che, accoppiati, formano appunto un binocolo.
    • Il “rilievo oculare” indica la massima distanza (in mm) tra la lente dell’oculare più vicina all’occhio e l’occhio stesso, alla quale si riesce a vedere, fino al bordo, il campo inquadrato; determina una comoda visione se abbondante (15-20 mm) scomoda se ridotta a pochi mm.(in questo caso coloro che osservano con occhiali vedono un campo ridottissimo).

    Pagine: 1 2 3 4

     

    Scrivi un Commento

    Devi aver fatto il login per inviare un commento