AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
19 Agosto 2019
Ci sono 188 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Perseidi, le stelle cadenti estive

Letto 2.464 volte
Nessun commento
Commenta
Le Perseidi sono forse lo sciame più noto, sarà la stagione calda che invoglia a passare la notte all’aperto stesi su un prato, ma le Lacrime di San Lorenzo, come vengono anche chiamate, per la quantità di scie visibili anche all’occhio meno esperto sono le stelle cadenti più attese.


Come ogni anno, c’è sempre grande attesa, soprattutto per chi non segue assiduamente i fenomeni del cielo, per lo sciame meteorico delle Perseidi, le stelle cadenti di agosto. E così, per qualche giorno, lo spettacolo offerto dalle “Lacrime di San Lorenzo” (come sono, talvolta, chiamate) riesce a focalizzare l’attenzione anche dei media nazionali, con il risultato che in migliaia, nella notte di San Lorenzo, rimangono con il naso all’insù, nella speranza di vedere qualche brillante meteora (e magari, come da tradizione popolare, esprimere un desiderio).

Coelum Astronomia ogni anno dedica almeno un paio di pagine a questo fenomeno nel suo numero estivo, ma nel tempo gli abbiamo dedicato speciali, approfondimenti, consigli di ripresa e di osservazione che è un peccato dimenticare, perciò li riproponiamo qui sotto, a partire dagli articoli ad accesso gratuito presenti sul nostro sito o sui numeri estivi della nostra rivista che, ormai dal 2016, esce in formato digitale e completamente gratuito! Questo articolo sarà sempre in aggiornamento, in coda troverete invece qualche contributo relativo ai numeri più vecchi a pagamento.

Per le informazioni osservative dell’anno in corso consultate sempre le pagine del nostro Cielo del Mese!

Articoli e approfondimenti

➜ Dopo 2000 anni… ancora le Perseidi di Remondino Chavez su Coelum Astronomia 202
Perché le Perseidi non hanno il massimo sempre nello stesso giorno? Cos’è una “stella cadente”? …e una meteora? Da cosa vengono originate? Un po’ di storia, un po’ di scienza e tutte le curiosità sull’argomento.

➜ La Pioggia delle Perseidi di Remondino Chavez su coelum.com

➜ Perché “lacrime di San Lorenzo”? di Gabriele Marini su Coelum Astronomia 213

➜ Il bolide del sabato sera di Marco Malaspina su coelum.com (news media INAF)

Osservazione e ripresa

➜ Fotografiamo le Perseidi di Giorgia Hofer su Coelum Astronomia 213

➜ Come riprendere le Perseidi con uno smartphone! di Sebina Pulvirenti su Coelum Astronomia 202

➜ Come riprendere le Perseidi con la Reflex o il CCD di Daniele Gasparri su Coelum Astronomia 202

…e qualche racconto!

➜ Ci vediamo tra un anno di Ugo Ercolani su coelum.com

➜ La Luna che cammina… e il bolide del sabato sera di Pietro Francesco Nicolai su Coelum Astronomia 225

➜ Stelle cadenti di Ugo Ercolani su coelum.com

Dall’archivio di Coelum

In coda segnaliamo altri riferimenti a vecchi numeri che possono essere acquistati e sfogliati online o trovati in formato pdf nei CD/DVD in vendita nel nostro astroshop (per il formato cartaceo dei numeri più vecchi chiedere sempre prima la disponibilità a segreteria@coelum.com) ➜ Consulta l’archivio per le modalità di acquisto.

➜ Antonio Pacinotti astronomo di Luigi Gabba su Coelum Astronomia 144
Lo sapevate che Antonio Pacinotti, il noto inventore della dinamo, prima di occuparsi di elettrologia iniziò la sua carriera scientifica come assistente in un osservatorio astronomico? E che nel 1862 scoprì indipendentemente la celeberrima Swift-Tuttle, la cometa madre dello sciame delle Perseidi?



Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento