AGGIORNAMENTO POLICY GENERALE D'USO
Abbiamo aggiornato la policy d'uso del sito e dei servizi di Coelum Astronomia in seguito alla nuova normativa UE 2016/679 (GDPR).
Ti chiediamo pertanto di leggere i nuovi termini e condizioni e di accordare o negare il tuo consenso.
Per continuare ad utilizzare Coelum Astronomia, è necessario accettare la policy.

ATTENZIONE! Se scegli di cancellare il tuo account, l'operazione sarà eseguita entro 10 giorni lavorativi. L'operazione è IRREVERSIBILE. Per maggiori informazioni, contattaci a segreteria@coelum.com
CONFERMA
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
12 Dicembre 2019
Ci sono 226 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Di come funziona la Scienza

Letto 3.591 volte
Un Commento
Commenta
A proposito dei dibattiti che sempre più spesso nascono tra teorie “ufficiali” e teorie “alternative” in campo scientifico, un pezzo di Konrad Lorenz sempre valido sia per gli uni… sia per gli altri.

[Tratto dall'editoriale di Coelum 62 - maggio 2003]

Pensando alle numerose lettere che giungono in redazione in merito alla disputa sull’interpretazione del redshift come indicatore di distanze cosmologiche.
Ovvero, come entrambe le parti in gioco possano trovare spunti di riflessione da un medesimo scritto, senza che questi sia a favore dell’una o dell’altra teoria.

“Nell’edificio della conoscenza l’ipotesi è come un’impalcatura, e il costruttore sa fin dall’inizio che nel corso dei lavori dovrà toglierla. Essa è una supposizione provvisoria che ha un senso solo in quanto esiste la possibilità pratica di confutarla in base a dati raccolti proprio a questo scopo. Una ipotesi che non è passibile di falsificazione non è neppure verificabile, ed è quindi inutilizzabile ai fini della ricerca sperimentale. Chi ha formulato un’ipotesi deve essere grato a chiunque gli indichi nuove vie per dimostrarne l’insufficienza, poiché tutto il lavoro di verifica consiste proprio nel vedere se l’ipotesi resiste a tutti i tentativi di confutarla. Il lavoro di ogni studioso di scienze naturali è costituito in fondo proprio dalla ricerca di conferme di questo tipo; si parla, infatti, di ipotesi di lavoro. Una ipotesi è tanto più utilizzabile quanto più si presta alle operazioni di verifica: la probabilità che essa sia fondata aumenta col numero delle conferme che è stato possibile raccogliere.

È un errore diffuso anche tra gli epistemologi il credere che un’ipotesi possa essere definitivamente scartata se anche uno solo, o pochi, dati risultano incompatibili con essa. Se cosi fosse, tutte le ipotesi esistenti verrebbero rifiutate poiché è ben difficile che ce ne sia una che tenga conto di tutti i fatti specifici. Ogni nostra conoscenza non è che un’approssimazione, anche se progressiva, alla realtà extrasoggettiva che desideriamo conoscere. Per confutare un’ipotesi non basta che un unico dato la contraddica, ma occorre sempre un’altra ipotesi che comprenda in sé un numero maggiore di dati rispetto all’altra. La “verità” è quindi quell’ipotesi di lavoro che si presta meglio ad aprire la strada a un’altra ipotesi che riesce a spiegare di più.

Tuttavia il nostro pensiero e i nostri sentimenti si rifiutano di accettare questo fatto teoricamente inconfutabile. Anche se ci sforziamo di ricordare che tutto il nostro sapere, tutto ciò che la nostra percezione ci comunica sulla realtà extrasoggettiva, costituisce soltanto un’immagine grossolanamente semplificata e approssimativa della realtà esistente, noi non possiamo fare a meno di considerare senz’altro vere certe cose e di essere convinti della assoluta esattezza del nostro sapere.

Se la consideriamo dal punto di vista psicologico e soprattutto fenomenologico, questa convinzione equivale in tutti i sensi a una fede”.

Konrad Lorenz

(adattato da “Gli otto peccati capitali della nostra civiltà”)

 
Commenta

Un Commento a “Di come funziona la Scienza”

  1. Corrado Cantoni scrive:

    Un’editoriale a cui ci sarebbe da ridire…

    “Una ipotesi che non è passibile di falsificazione non è neppure verificabile..”
    Teorie che inglobano altre teorie, le quali si basano su assunti indimostrati, come quello secondo cui tutto ciò che sembra matematicamente possibile sia sempre anche realtà, di cui diversi dati, tutti indiretti, non coincidono, non ha bisogno di essere confutata perchè si confuta da sola.

    “Ogni nostra conoscenza non è che un’approssimazione, anche se progressiva..”
    Non è detto; le approssimazioni possono anche essere regressive e nella descrizione della realtà, peggiorative.

    “La verità è un’ipotesi di lavoro..”
    La luna gira intorno alla terra solo per ipotesi di lavoro?

    “..non basta che un’unico dato la cotraddica..”
    Dipende dal dato; se è “strutturale” alla teoria uno solo basta e avanza.

    Tutte le cosmologie sono alternative, le une alle altre, cosmologia standard compresa; e non è la migliore.

    Corrado Cantoni – Crema

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento