Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie - Maggiori Informazioni - Ok
 
17 Dicembre 2017
Ci sono 215 utenti collegati
Seguici su Twitter!
smarttotem ultimate digital signage
Tecnosky - Prodotti per Astronomia
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (0,00 / 5)
Loading ... Loading ...

Due notti con Luna e Saturno tra Ofiuco e lo Scorpione

Letto 3.022 volte
Nessun commento
Commenta
Da poco dopo la mezzanotte del 5 luglio a poco prima della notte del 6 luglio, la Luna si sposterà tra l’Ofiuco e lo Scorpione, creando suggestivi accostamenti per magnifiche riprese a largo campo, con Antares e Saturno. Ma anche le due serate più adatte per l’osservazione della Luna e per scoprire l’Aristarchus Plateau.

Nonostante la coppia formata da Luna e Saturno sia visibile fin dalla prima serata del 6 giugno, per fotografarla nella cornice del paesaggio converrà attendere l’ora indicata in cartina, quando la Luna quasi piena (fase 96%) e Saturno (m = +0,1) saranno attorno ai 10°. Questo sarà anche il momento di massimo avvicinamento, il pianeta disterà infatti soli 3° dal centro della Luna.

La notte tra il 5 e il 6 luglio, la Luna (fase 90%) e la stella Antares (alfa Scorpii; mag. +1,06) saranno le protagoniste di una congiunzione piuttosto larga: la separazione tra i due astri infatti sarà di quasi 9°. Nonostante questo, varrà comunque la pena di osservarla ad occhio nudo, e si potrà approfittare dell’occasione per effettuare riprese a grande campo inquadrando le costellazioni dello Scorpione e di Ofiuco, anche se la luminosità della Luna renderà più arduo il compito.

A circa 15° a est della coppia, un’ampia ripresa potrà essere impreziosita dalla presenza del pianeta Saturno (mag. +0,1).

La sera del 6 luglio invece, la Luna, allontanatasi da Antares, si avvicinerà a Saturno, appena il cielo si farà sufficientemente scuro: i due astri viaggeranno a circa 3° e mezzo di distanza tra loro per tutta la notte.

Potranno essere osservati già da dopo il tramonto del giorno 6, alti sull’orizzonte est-sudest e culmineranno al meridiano poco prima delle 23.

Per poterli riprendere, in inquadrature più strette e nella cornice del paesaggio, bisognerà fare le ore piccole… attendendo le ore 3:20 circa, quando la coppia sarà più bassa sull’orizzonte.

In queste due sere, non dimenticate però i consigli di Francesco Badalotti per l’osservazione, attraverso l’uso di uno strumento, delle formazioni lunari! Sono le sere adatte per imparare a riconoscere e conoscere l’Aristarchus Plateau.  ➜ La Luna di luglio e agosto. Alla scoperta di  Aristarchus Plateau

Le effemeridi giornaliere di Luna, Sole e pianeti le trovi nel Cielo di Luglio e Agosto

Leggi anche

La Luna mi va a pennello.
Se la fotografia non basta, Gian Paolo Graziato ci racconta come dipingere dei rigorosi paesaggi lunari, nei più piccoli dettagli… per poi lasciarsi andare alla fantasia e all’imaginazione!

Fotografare la Luna di Giorgia Hofer su Coelum Astronomia di novembre 2016.


Eclissi di Sole, tra suggestioni Storia e Scienza! Tutti consigli per l’osservazione del cielo di luglio e agosto su Coelum Astronomia 213

Leggilo subito qui sotto online, è gratuito!

Semplicemente lascia la tua mail (o clicca sulla X) e leggi!

L’indirizzo email verrà utilizzato solo per informare delle prossime uscite della rivista.

Scrivi un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento